MUSIC WON'T SAVE YOU: Entropia

È giunta al quinto episodio la collaborazione tra Michel Banabila e Rutger Zuydervelt, il cui consolidato sodalizio si fonda sull’affinità dei rispettivi percorsi sperimentali, piuttosto che sul mero dato della prossimità fisica. Pur vivendo nella stessa città, i due artisti olandesi hanno costruito i sette brani di “Entropia” lavorando in maniera separata e complementare attraverso scambi di file sui quali entrambi hanno scolpito un articolato microcosmo di field recordings e astrazioni analogiche.

Irregolare e imprevedibile come il termine prescelto per il titolo del lavoro è il suo contenuto, che in particolare nella prima parte dispiega un arsenale di suoni, voci e rumori vasto e apparentemente disorganico, che solo i due brani finali riconducono a un ordine almeno parziale. Eppure, “Entropia” non è opera di mero accostamento tra segnali sonori di natura diversa, bensì razionale giustapposizione di elementi e tecniche, che in ultima istanza rivelano un’anima (non a caso il titolo del brano conclusivo di quasi un quarto d’ora), recettiva al tempo stesso di suggestioni istintive e stimolazioni neuronali.

https://musicwontsaveyou.com/2019/01/03/banabila-machinefabriek-entropia

youtube Twitter bandcamp-logo Facebook reverbnation soundcloud vimeo lastFM mixcloud Blogger

Music composer & sound artist. Michel Banabila releases music since 1983 and has produced musical scores for numerous films, documentaries, video art, theatre plays & choreographies. His music varies from minimal loop-based electronica, 4th world and neoclassical pieces, to drones, experimental electronica and tribal ambient. In addition to acoustic instrumentation, Banabila uses electronics, field recordings, and snippets from radio, tv and internet.

Bureau B, Séance Centre, Pork Recordings, Tone Casualties, Challenge Records, Steamin' Soundworks, Tapu Records.