MUSIC WON'T SAVE YOU: Macrocosms

Quarta tappa della consolidata collaborazione tra Michel Banabila e Rutger Zuydervelt, “Macrocosms” non smentisce l’attitudine del duo a ricombinare in maniera incessante gli elementi della propria musica. Seguendo un itinerario sostanzialmente diverso rispetto a quello delle allucinate visioni orchestrali del precedente “Error Log” (2015), le nove tracce del nuovo lavoro oscillano tra intricati incastri ritmici e dense frequenze in progressiva trasformazione.

Elementi concreti e di sintesi convivono in “Macrocosms”, al pari della dimensione minimale propria dei due artisti e della loro velleità di creare universi sonori, come da titolo, estremamente estesi. Da tale combinazione risulta un dialogo a tratti difficile tra prominenti vibrazioni di oggetti e macchinari (l’aspetto “macro”) e minuti crepiti elettronici (il “micro”), il cui pulviscolo soverchia gradualmente quasi ogni altro elemento.

Così, mentre la parte iniziale del lavoro è tutta un susseguirsi di pulsazioni sintetiche e sincopi di moderato rumorismo, quella finale ripiega su quella concezione di ambience poco più che silente alternamente costeggiata nel corso degli anni da parte di entrambi gli artisti. In questo senso “Macrocosms” rispecchia in maniera esaustiva il robusto impianto concettuale sottostante alle rispettive ricerche, riassunto nella creazione di un ambiente sonoro al tempo stesso puntuale e in continua espansione verso orizzonti infiniti.

(Rafello Russo)   https://musicwontsaveyou.com/2016/10/29/banabila-machinefabriek-macrocosms

Macrocosms square 1000x1000